Psico book: Il cervello del bambino spiegato ai genitori

cervello

Oggi voglio parlarti di un libro davvero utile per tutti i genitori che desiderano indicazioni pratiche per capire come affrontare le varie sfide della genitorialità "Il cervello del bambino spiegato ai genitori" di Alvaro Bilbao.

In libreria esistono molti libri scritti da autori più o meno accreditati che offrono indicazioni e soluzioni ma ciò che ho trovato in questo manuale è stato davvero arricchente.

Alvaro Bilbao è neuropsicologo e psicoterapeuta, padre di tre figli, quindi oltre all’esperienza teorica e professionale porta un’esperienza diretta da padre.

Ciò che offre nei vari capitoli non sono solo indicazioni concrete ma sceglie di spiegare al genitore cosa accade al cervello del bambino quando l’adulto di rifermento si comporta in una data maniera. Spiega il ruolo delle sinapsi, delle varie parti del cervello e di come avviene la loro delicata formazione. I suoi non sono perciò solo consigli come spesso troviamo nei libri per genitori, ma dà sostanza alle sue affermazioni.

Cosa trovi nel libro

Il bambino sviluppa il suo cervello e la sua mente a partire dalle prime relazioni importanti della sua vita. Mamma e papà hanno perciò un ruolo decisivo nello sviluppo psicologico, intellettivo nonché emotivo del piccolo.

cervello

Come si evince da questa immagine tratta dal libro, il cervello del bambino alla nascita possiede già molti neuroni (cellule cerebrali) ma con l’andare dei mesi le connessioni tra loro (sinapsi) si moltiplicano in modo esponenziale. Tali connessioni avvengono in base a come il genitore risponde ai bisogni del piccolo. Quando parli on tuo figlio, quando lo baci o semplicemente quando ti osserva, il suo cervello crea connessioni che lo aiuteranno ad affrontare la vita da adulto. L’autore insegna nel libro a relazionarti con tuo figlio in modo che lui possa creare preziose connessioni che gli permettano di sentirsi bene con se stesso e di raggiungere i suoi obiettivi.

L’autore affronta approfonditamente il legame di attaccamento come strumento principe per un sano sviluppo del bambino, portando vari esempi e consigli.

Ciò che mi ha appassionato di più è la parte relativa a come dare limiti e regole offrendo delle valide alternative al castigo e alla punizione. Molti genitori sono ancora convinti che la sberla o la punizione fisica siano un buon metodo educativo ma da varie ricerche in psicologia si è visto che così non è, anzi. La punizione sotto forma di atto aggressivo può davvero essere deleteria per un sano sviluppo affettivo del bambino.

Si passa poi ai capitoli dedicati a come incentivare l’intelligenza emotiva del bambino, accompagnandolo a sviluppare fiducia in sé stesso e negli altri, aiutandolo  crescere senza eccessiva paura e con assertività.

Infine vi sono i capitoli dedicati a come stimolare attenzione, memoria, linguaggio, autocontrollo, creatività ed intelligenza visiva.

Perchè lo consiglio

In un altro articolo tempo fa avevo consigliato un libro simile dal titolo “Naturalmente intelligenti” (vai all’articolo) ma trovo che “Il cervello dei bambini spiegato ai genitori” sia ancora di più facile lettura e fruizione per i non addetti ai lavori. Offre consigli concreti su varie problematiche che i genitori si possono ritrovare ad affrontare. Se sei un genitore interessato a questi argomenti, ti consiglio quindi di iniziare da questo libro e poi proseguire con l’approfondimento di “Naturalmente intelligenti”. Quest’ultimo può essere utile in particolare anche per genitori in attesa.

Altre letture correlate

Lascia un commento