Psico Books: “La principessa che credeva nelle favole” di M.G. Powers

principessa

Il libro di aprile che ho scelto è "La principessa che credeva nelle favole" di M.G. Powers. Un libro che mi ha appassionato per gli innumerevoli risvolti psicologici di questa favola.
Durante l'ultima gita che ho fatto a Roma l'ho visto sullo scaffale della libreria e mi ha colpito il suo titolo (ma soprattutto il sottotitolo "Come liberarsi dal proprio principe azzurro"!). Leggendone il riassunto sul retro mi ci sono ritrovata in quanto sognatrice ad occhi aperti e ho pensato potesse offrirmi degli spunti per imparare a stare sul presente e sul qui ed ora. Che dire: mi ha dato molto di più!

2 aspetti mi hanno colpito

Innanzitutto non avevo trovato finora una favola che contenesse così tanti rimandi alla psicoterapia e alla crescita che una persona percorre attraverso di essa. Non che nel libro si parli nello specifico di questo, ma da psicoterapeuta non ho potuto fare a meno di cogliere questo aspetto. Il sogno e le aspettative che si ha da giovani, le cadute a causa della diversità esistente tra realtà e fantasia, il malessere e la confusione che ne derivano. Tutto ciò viene ripreso e ascoltato dai "maestri" che accompagnano la principessa Victoria nel suo percorso verso la Verità e la aiutano a trovare se stessa. 

In secondo luogo ho trovato inseriti all'interno della favola insegnamenti davvero profondi che ho trovato utili per la propria autostima, sopratutto se anche tu avrai modo di riconoscerti nella storia di Victoria. 

 

La storia in breve (senza spoiler!)

Il libro narra le vicende della principessa Victoria (e della sua amica-alter ego Vicky) cresciuta all'interno di un palazzo secondo le rigide regole dei genitori. I genitori le volevano davvero bene ma avevano l'idea di doverla crescere "nel migliore dei modi" per poter diventare a tutti gli effetti una principessa. Pian piano la sua vivacità, dettata dal canto e dal ballo, viene smorzata dal re e dalla regina perché poco consoni alla sua regalità. A Victoria non rimane che continuare a sognare il principe azzurro, con cui un giorno avrebbe condiviso la sua vita e la avrebbe resa felice.

E così accadde: incontra il suo principe, bello, intelligente e ironico. Tutto ciò che più desiderava! Dopo il matrimonio, però, le cose non vanno come previsto e Victoria inizia ad accusare dolori fisici ed una tristezza così profonda da farla stare sempre peggio. Una volta toccato il fondo di questo stato depressivo decide di dover fare qualcosa e, grazie ai consigli del gufo Doc, inizia il suo percorso di consapevolezza che la porterà a conoscere la verità su di sè e sulle persone che più ha amato. Lungo il suo cammino conoscerà vari maestri che la aiuteranno con incoraggiamenti ed insegnamenti saggi a proseguire e non demordere. 

Al termine raggiungerà il Tempio della verità dove avrà modo di leggere la Pergamena sacra dove scopre che....

...avevo promesso, niente spoiler!

A chi consiglio questo libro?

Lo consiglio a tutti coloro che tendono a vivere spesso nelle favole piuttosto che nella realtà, ritrovandosi spesso delusi ed amareggiati. A coloro che vivono nella paura di non farcela, di non poter cambiare la propria situazione e la propria vita con la convinzione che "tanto, non c'è nulla che io possa fare". A coloro che stanno attraversando in generale un momento negativo nella vita e/o nella propria relazione.

Lo consiglio a coloro che stanno lavorando o hanno già lavorato su se stessi attraverso un percorso di crescita personale o di psicoterapia, poiché potrebbero trovare molti punti in comune con le scelte di Victoria e consolidare così i passi fatti. Allo stesso modo è utile la lettura anche da parte di psicologi e psicoterapeuti, in primis perché persone con grande bagaglio emotivo che potrebbero ritrovarsi in vari punti del libro e poi in quanto professionisti. Io, ad esempio, da Analista Transazionale ho ritrovato somiglianze con le tappe della Alleanzae (la difficoltà di Victoria a fidarsi di Doc), con la Decontaminazione e la Ridecisione. 

In linea generale, comunque, è un libro talmente ricco di spunti che ne consiglio la lettura a tutti gli appassionati di crescita personale e della vita in generale. Interessante anche come idea regalo!

Non mi resta che augurarti BUONA LETTURA!

Lascia un commento