Fare pace con gli errori del passato

passato

Dovremmo lasciare che gli errori del passato definiscano chi siamo?

Una delle più orribili esperienze riguardanti un incubo di cui io abbia mai sentito parlare è stata quella di una giovane madre che, nel suo sogno, aveva arrostito in forno e poi mangiato la sua bambina. Era totalmente scioccata e inorridita da ciò che aveva appena fatto nel suo sogno. Chi non lo sarebbe?

Sì, era solo un sogno. Ma per lei, nulla poteva essere più reale. Stava sperimentando pienamente la gamma di pensieri intensi, emozioni e reazioni fisiche che una persona media avrebbe dopo aver realizzato di aver mangiato il suo bambino. L'incubo era finito ma lei non ne era uscita.

Uscire dal passato

Quando si tratta delle nostre vite e degli errori del passato, un buon punto di partenza è quello di essere grati e riconoscenti ogni volta che questi errori non sono così brutti come quell'incubo.

Quelli che ora percepiamo come errori nelle nostre traiettorie di vita possono riguardare più semplicemente una scelta errata, come abbandonare l’opportunità di andare a scuola, lasciare un lavoro, smettere di suonare uno strumento, dare poco tempo agli altri, passare poco tempo insieme al partner o crescere i figli in modo critico.

Tali "errori" sono in realtà scelte, fatte consapevolmente o meno, che ora rivalutiamo alla luce delle nostre attuali convinzioni, livelli di conoscenza e saggezza accumulata. In alcuni casi, potremmo dover fare i conti con scene davvero orribili del passato. Ci potrebbero essere deplorevoli azioni da riesaminare, come i conflitti associati alle passate dipendenze.

L'intensità è diversa ma il processo è simile. Le nostre menti sono programmate per mantenere vivi i frammenti del passato. Continuiamo a riprodurre le scene e persino a riscrivere mentalmente gli scenari per creare effetti più drammatici.

Quindi, come facciamo a sapere cosa è reale e cosa no?

Continuiamo a nutrire i nostri pensieri, alcuni dei quali forse siamo stati in grado di ignorare per un po '- fino a poco tempo fa.

Ripetendoli nella nostra mente, i pensieri negativi aumentano la loro forza. Possono diventare molto potenti con l'avanzare dell'età. Coltiviamo i rimpianti e proviamo angoscia. E in genere coltiviamo qualche forma di odio verso noi stessi. Quindi, che fare ora?

Passato e presente

Il passato è finito e non c'è nulla che possiamo fare al riguardo. La nostra esperienza ricorrente con gli errori del passato è simile all'essere imprigionati in un incubo. Non siamo completamente svegli. Siamo ancora nel sogno. Lasciamo che la mente si soffermi costantemente sugli errori del passato, in qualche modo diventiamo questo terribile errore. Più ci soffermiamo su questo, più ci identifichiamo con esso. Siamo diventati quell'errore.

Se una volta abbiamo derubato una banca e da quel momento continuiamo a pensare a noi stessi come rapinatori di banche, è probabile che ripeteremo l'azione ogni volta che si presenterà l'opportunità.

Ma se invece impariamo a pensare a noi stessi come a un individuo degno che in precedenza ha commesso degli errori, possiamo incanalare i nostri pensieri e le nostre azioni in modo più positivo.

Ma fondamentalmente, siamo davvero ciò con cui ci siamo identificati?

Spesso non ci rendiamo conto di essere molto più dei nostri errori passati.

Siamo tutti liberi di fare qualcosa di buono e prezioso nella nostra vita, iniziando proprio da ora.

Solo il presente offre l'opportunità di scegliere un'azione.

Quando la nostra mente risiede nel passato, perdiamo opportunità - secondo dopo secondo - per perseguire un ideale ed essere pienamente vivi.

Cerca di perdonare te stesso e solo così potrai cercare nuove opportunità e possibilità di scelta in modo da moltiplicare le tue buone azioni.

Articolo tratto da Psychology today

Autrice Nicole F. Bernier, PhD

2 commenti

  1. Laura Zorzi dice: Rispondi

    Ho letto l’argomento.potrebbe essere una tematica per un prossimo incontro?

    1. psicologiaquotidiana dice: Rispondi

      Cara Laura, grazie per il commento! Certo, è un argomento sicuramente che può interessare molte persone.

Lascia un commento